Città di Castello: la polizia recupera e riconsegna al parroco la pisside e l'aspersorio rubati dalla chiesa di Lerchi

1' di lettura 13/01/2022 - Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Città di Castello hanno riconsegnato al parroco della chiesa di San Lorenzo in Lerchi, la pisside e l'aspersorio che erano stati trafugati la scorsa domenica.

Approfittando dell'assenza del parroco e dei fedeli, i malviventi avevano forzato, con un attrezzo metallico, la porta in legno che separa la chiesa dalla sacrestia, penetrando all'interno e asportando gli oggetti sacri per poi abbandonarli lungo le sponde del fiume. Di fondamentale importanza per il recupero, è stata la segnalazione di un cittadino che stava passeggiando in quell'area e ha deciso di allertare il Commissariato di Città di Castello.

Gli agenti, giunti sul posto, hanno rinvenuto sulla scarpata del fiume Scatorbia, gli oggetti liturgici, manufatti in metallo antichi e finemente lavorati, provento del furto perpetrato nella chiesa di San Lorenzo. La pisside e l'aspersorio sono state a quel punto riconsegnate al parroco, che ha voluto ringraziare i poliziotti per il recupero delle suppellettili; mentre sono in corso le attività investigative per risalire agli autori del furto.






Questo è un articolo pubblicato il 13-01-2022 alle 16:26 sul giornale del 14 gennaio 2022 - 107 letture

In questo articolo si parla di cronaca, umbria, articolo, Danilo Bazzucchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cE3k





logoEV
logoEV