Norcia: Carabinieri controllano un esercizio commerciale, denunciato e multato il titolare per numerose irregolarità

3' di lettura 05/08/2022 - Nella mattinata del 4 agosto 2022 i carabinieri della Compagnia di Norcia, con il supporto specializzato dei carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Perugia, del personale dell’Ispettorato del Lavoro e del Nucleo Carabinieri Antisofisticazione e Sanità di Perugia, hanno svolto un servizio coordinato finalizzato alla verifica dell’adempimento delle misure in materia di prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro, della regolarità dei rapporti di lavoro, al contrasto del fenomeno del lavoro nero e al rispetto della normativa di igiene, sicurezza e tracciabilità dei prodotti alimentari, durante il quale hanno sottoposto a controllo un esercizio commerciale della grande distribuzione.

Qui i Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro hanno denunciato l’amministratore unico dell’impresa commerciale, in quanto presunto responsabile delle violazioni previste dal D. Lgs. 81/2008, in particolare:

  • avrebbe omesso di designare il Responsabile del Servizio di prevenzione e protezione munito di idoneo attestato (Art 17 co 1 lett. B);
  • avrebbe omesso la nomina del medico competente (Art. 18 co 1 let. A);
  • non avrebbe provveduto a consegnare ai lavoratori idonei dispositivi individuali di sicurezza (Art. 18 co 1 let. D);
  • non avvrebbe provveduto a sottoporre a sorveglianza sanitaria due lavoratori (Art. 18 co 1 let. G);
  • avrebbe elaborato il documento di valutazione dei rischi privo di data certa (Art. 28 co. 2);
  • avrebbe omesso di designare gli addetti alle situazioni di emergenza, antincendio e gestione delle emergenze, nonché di Primo Soccorso muniti di idonei attestati (Art. 43, co ° 1, lettera b);
  • per la presenza di locali adibiti a spogliatoio la cui capacità sarebbe insufficiente rispetto al numero dei dipendenti occupati, sprovvisti di un numero sufficiente di armadietti e non divisi per sesso (Art. 63 co. 1, 2, 3 e Art. 64 co. 1).

Per tutte queste ragioni venivano contestate ammende per circa 13.000,00 euro.

Nel corso del controllo sono stati identificati dieci lavoratori regolarmente occupati e sono state contestate sanzioni amministrative per un totale di 3.000,00 euro a causa della mancata elaborazione del documento di valutazione dei rischi.

Inoltre è stato adottato il provvedimento di sospensione dell’attività imprenditoriale fino al ripristino delle regolari condizioni di lavoro.

Nell’ambito dei medesimi controlli anche i Carabinieri del Nucleo Antisofisticazione e Sanità hanno irrogato delle sanzioni, in particolare:

  • sanzione amministrativa di 2.000,00 euro a causa dell’inosservanza delle procedure sulla corretta prassi igienica degli alimenti (Art. 6 co. 7 e co. 8 D. Lgs. 193/2007);
  • sequestro sanitario amministrativo di 171 chilogrammi di carne e prodotti da forno senza tracciabilità e scaduti, con obbligo di distruzione a carico dell’amministratore unico (Reg. CE 852/2004).

Le attività condotte, frutto della sinergia dell’organizzazione territoriale dell’Arma e dei Reparti Specializzati, hanno consentito così non solo di evidenziare e contrastare in maniera incisiva condotte che possono minare la sicurezza dei lavoratori sul luogo di lavoro, ma anche di proteggere e tutelare la salute dei consumatori assicurando il rispetto delle norme in materia di sicurezza alimentare.

Le persone sottoposte alle indagini preliminari si presumono innocenti.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram di Vivere Umbria .
Cerca il canale @vivereumbria o Clicca QUI.





Questo è un articolo pubblicato il 05-08-2022 alle 11:59 sul giornale del 06 agosto 2022 - 114 letture

In questo articolo si parla di cronaca, umbria, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/djBl





logoEV
logoEV