Terni: come nelle favole, cavallina bianca Lady Mirtillo salvata dalla Polizia

1' di lettura 17/03/2023 - Se non fosse che metteva in pericolo l’incolumità degli automobilisti e la propria, era proprio bello da vedere il cavallo bianco che nella giornata di giovedì trottava quasi indisturbato sulla strada statale 675 in direzione Orte, creando turbativa alla circolazione.

Ovviamente tra gli automobilisti e fotografi incuriositi non è mancato chi ha sollecitato l’intervento della Polizia di Stato per evitare il peggio su una strada che ha una elevata densità di traffico. La pattuglia della Sezione Polizia Stradale di Terni è intervenuta immediatamente e ha rintracciato l’animale all’altezza dello svincolo per Montoro, mentre correva sulla strada creando intralcio e pericolo tra le auto in transito; mantenendo la vettura di servizio ad una distanza di sicurezza, gli operatori della Polizia Stradale hanno accompagnato l’animale in safety car fuori dalla strada statale.

Una volta allontanato dalla strada principale, docile e mansueto si è lasciato avvicinare e mentre un operatore era impegnato a controllare il traffico, l’altro si è adoperato a mettere in sicurezza il cavallo assicurandolo ad una fune. Lady Mirtillo, questo è il nome della puledra, è apparsa in buone condizioni di salute ma comunque è stato chiesto l’intervento del veterinario dell’ASL di Amelia. Una cavallina vivace, il cui custode, subito avvisato del ritrovamento ed accorso il prima possibile, ha detto agli agenti che la sera prima si era accorto della fuga e si era subito attivato nelle ricerche. In pochissimo tempo Lady Mirtillo è diventata famosa grazie ai numerosi scatti fotografici dei passanti curiosi e grazie alla prontezza dei due centauri di Terni senza tristi conseguenze.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram di Vivere Umbria .
Cerca il canale @vivereumbria o Clicca QUI.







Questo è un articolo pubblicato il 17-03-2023 alle 11:11 sul giornale del 18 marzo 2023 - 32 letture

In questo articolo si parla di cronaca, umbria, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dX1f





logoEV
logoEV
qrcode