Terni: deve scontare 18 anni di carcere, denunciato l'affittacamere dove soggiornava

1' di lettura 17/03/2023 - Un affittacamere ternano, che gestisce alloggi nel centro cittadino, è stato denunciato dalla Squadra Volante per la violazione dell’art. 109 del T.U.L.P.S., ovvero la norma che impone ai gestori di esercizi alberghieri e di ogni altra struttura ricettiva di comunicare alle questure, entro massimo 24 ore dal loro ingresso, le generalità delle persone alloggiate, avvalendosi di apposito portale web.

Il fatto era stato accertato il 9 marzo scorso, durante l’arresto di un ricercato di nazionalità italiana, colpito da provvedimento di esecuzione di cumulo pene emesso dalla Procura Generale presso la Corte d’Appello di Roma, dovendo espiare la pena detentiva di 18 anni, 10 mesi e 20 giorni di reclusione.

Nella circostanza l’uomo aveva riferito che i suoi effetti personali si trovavano presso la struttura ricettiva in questione e dagli accertamenti svolti era emerso che nessuna comunicazione rispetto al suo soggiorno era stata inviata alla Questura dalla struttura ricettiva in questione. Il titolare è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per la violazione dell’art. 109 del T.U.L.P.S.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram di Vivere Umbria .
Cerca il canale @vivereumbria o Clicca QUI.





Questo è un articolo pubblicato il 17-03-2023 alle 11:08 sul giornale del 18 marzo 2023 - 24 letture

In questo articolo si parla di cronaca, umbria, articolo, niccolò staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve https://vivere.me/dX1c





logoEV
logoEV
qrcode