SEI IN > VIVERE UMBRIA > ATTUALITA'
articolo

Perugia: si é svolto oggi, 3 aprile, l’ incontro “ONLY ONE LIFE” campagna nazionale sugli stili di vita

4' di lettura
36

Questa mattina, presso l’Aula Magna del Dipartimento di Medicina e Chirurgia , a cura del Sindacato Italiano Unitario Lavoratori Polizia SIULP Provinciale di Perugia e dell’Università degli Studi di Perugia, si è svolto l’incontro “ONLY ONE LIFE” rivolto agli studenti degli istituti di istruzione superiori. Obiettivo è quello di aprire una riflessione e un confronto sul tema del valore della vita, individuando e proponendo condotte e stili di vita virtuosi, improntati alla prudenza e al rispetto della vita propria e altrui.

L’iniziativa è stata patrocinata dalla Regione dell’Umbria, dal Comune di Perugia, Umbra Acque, in collaborazione con le Associazioni: un’Altra Storia, Rose Bianche sull’asfalto e Penelope, oltre al sostegno di Aga ( Associazione Giornalismo Attivo ) , Agenzia Stampa Italia, AIGA, un’Altra Storia aps , Confcoperative, Filosofiamo, Borgo Sant’Antonio, Associazione Ricreativa Montelaguardia, Libertas Margot , Comitato Uniti per Fontivegge. Obiettivo dell’iniziativa è quello di offrire agli studenti un’esperienza emotivamente forte e coinvolgente, in grado di stimolare una profonda riflessione sul valore della vita e sulle responsabilità che abbiamo innanzitutto verso noi stessi. Il percorso comunicativo affronta principalmente il tema della prevenzione sulla sicurezza stradale, ma intende proporre un concetto più ampio di sensibilizzazione sugli stili di vita.

Velocità, alcol, droga, fumo ed altri comportamenti negativi, sono spesso concatenati tra loro. Altro scopo è quello di mettere fortemente in discussione questo approccio alla vita, evitando la retorica ma stimolando, con il racconto di una storia vera, la sensibilità dei giovani. Gli studenti hanno assistito alla proiezione del docufilm “Ogni giorno”, soggetto e regia di Luca Pagliari, dedicato a Francesco Saccinto, il quattordicenne tragicamente scomparso il 10 settembre 2013 a seguito di un incidente stradale nei pressi di Corinaldo (AN). Francesco, Saccio per gli amici, mentre era alla guida del suo scooter, nel rispetto delle regole, venne travolto da un furgone condotto da un uomo cui venne riscontrato un tasso alcoolemico quattro volte superiore a quanto consentito dalla legge. L’investitore non era neppure in possesso della patente che gli era stata ritirata da tempo.

Un film intimo e vero, mai retorico e pietistico, in cui la cruda testimonianza del papà si alterna con le riflessioni dure, amare, ma anche piene di speranza dei ragazzi e degli agenti della Polizia Stradale. Il film, attraverso i pensieri degli amici di Francesco, esplora il vuoto prodotto dalla morte, ma il dolore, si spera, diventi uno stimolo, uno spunto per crescere e meglio comprendere il peso delle nostre azioni. L’ambizioso ma raggiungibile obiettivo dell’iniziativa è quello di scalfire il senso di onnipotenza che appartiene ad ogni giovane, raccontando una storia vera.

Non generare angosce o paure, ma far comprendere come piccoli comportamenti, anche semplici dettagli, sono in grado di modificare le nostre esistenze. Un casco allacciato correttamente, il rispetto delle regole, agendo magari contro l’abitudine del gruppo, fanno spesso la differenza. Il nostro comportamento è dunque lo strumento di prevenzione più formidabile ed efficace che esista. Al termine della visione del docufilm, gli studenti, hanno interagito, coadiuvati da un conduttore d’eccezione come il Direttore del Servizio Polizia Stradale Dott. Filiberto Mastrapasqua, con Vittorio e Simonetta, genitori di Francesco e con altri autorevolissimi esponenti come il Dirigente della Sezione Polizia Stradale di Perugia Dott. Francesco Cipriano, il Comandante della Polizia Municipale Dott.ssa Nicoletta Caponi e Luca Panichi della Fondazione “Michele Scarponi “.

Gli studenti non hanno trovato di fronte solo degli esperti, ma sin da subito sono stati trascinati dentro una serie di riflessioni vere e profonde indotte da esempi veri e credibili. Padrini dell’iniziativa : il Prefetto di Perugia Dott. Armando Gradone ; il Questore Dott. Giuseppe Bellassai oltre al Direttore di Medicina Prof. Talesa Vincenzo e al Direttore di Economia Prof. Marcello Signorelli . L’iniziativa è stata fortemente voluta e organizzata dai professori di Economia Simona Bigerna e Palo Polinori , dagli Assessori Comunali Edi Cicchi e Leonardo Varasano, dal Sindacato di Polizia Siulp nella persona del Segretario Nazionale Felice Romano e dei referenti umbri Massimo Pici e Luca Malossi, dall’Associazione Libertas Margot attraverso il suo referente scuole Roberto Carlotti. La manifestazione è stata condotta da Luca Giovannelli già responsabile dell’ufficio incidenti della Polizia Stradale di Perugia.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram di Vivere Umbria .
Cerca il canale @vivereumbria o Clicca QUI.




Questo è un articolo pubblicato il 03-04-2023 alle 19:05 sul giornale del 04 aprile 2023 - 36 letture






qrcode